Tre sessioni in una alla Fratellanza Artigiana Genovese: impressioni a caldo e qualche foto

Nella mattina di Martedì 10 Novembre, mi sono recata alla Fratellanza Artigiana Genovese, in Vico Chiuso Cinque Santi 14, per tenere in un unico incontro condensato le tre sessioni informative concordate con il loro referente, Carlo Lauletta.
Mi vergogno un po’ ad ammettere che ho dovuto fare ricorso a Google Maps per individuare la sede, dal momento che non ero mai stata in quella parte della città. Lungo il percorso, mi sono imbattuta con stupore in un giardino di piante grasse e bonsai di cui si prende cura il quartiere, fra cui spiccavano i fiori rossi di un piccolissimo melograno.
La Fratellanza Artigiana Genovese ha una sede molto ampia e vissuta, con un grande terrazzo.

Fratellanza Artigiana Genovese

Per prima cosa, mi è stato offerto un buon caffè, in attesa dell’arrivo di tutti i partecipanti.
Dopo una panoramica sulle funzioni della postazione Linux appena installata nell’ambito del progetto, siamo subito entrati nel vivo.
Per la mia sessione niente proiettore: tutti seduti in cerchio davanti al pc.

Fratellanza Artigiana Genovese

I presenti non erano molti. Anche per questioni logistiche, hanno preferito che fosse presente solo chi poi seguirà più da vicino la postazione Linux e si farà poi carico di trasmettere i contenuti a sua volta, attraverso i pdf con i contenuti della presentazione che ho lasciato sul desktop.
A livello di contenuti, le parti per loro più interessanti sono state quelle sulle App e sui Servizi Online del Comune e delle Poste. Per quanto riguarda i Social Network, hanno voluto approfondire il discorso gruppo/pagina/profilo, perché al momento hanno un gruppo con 200 iscritti.
Mi hanno fatto molte domande e mi hanno chiesto persino come si apre un blog.
In generale mi sono divertita e credo si siano divertiti anche i presenti, persone molto sveglie, aggiornate e ricettive che hanno fatto tante domande pertinenti.

Questa sessione è stata certamente un po’ sui generis, un po’ casereccia, così come le foto. Però tutto sommato anche per me è stato meglio così: non sono una campionessa del parlare in pubblico, sono timida.
A giudicare dalle risposte che il pubblico ha dato ai questionari finali, direi che l’iniziativa è stata utile e apprezzata. Addirittura hanno insistito perché accettassi una bottiglia di moscato in regalo (a dire il vero, una volta a casa, mi sono accorta che di bottiglie nel sacchetto me ne avevano messe due!).

Fratellanza Artigiana

Ringrazio Genova Digitale che mi ha dato la possibilità di sfruttare al meglio il mio tempo libero per questa esperienza e segnalo che mi hanno fatto notare che nei contenuti manca la presentazione di un sito fondamentale: meteofunghi.it

One thought on “Tre sessioni in una alla Fratellanza Artigiana Genovese: impressioni a caldo e qualche foto

Rispondi